SULLE SINGOLE SCALE DECIDONO GLI INTERESSATI

LA DOMANDA Un condominio è costituito da 18 condòmini, con tre scale autonome per l’accesso agli appartamenti. In diverse assemblee è stato deciso a maggioranza di dipingere l’androne di ingresso, sostituire il citofono con il videocitofono, installare all’esterno dell’androne le cassette della posta, installare un corrimano esterno di supporto poiché l’entrata è rialzata, rispetto al marciapiede stradale, di quattro gradini. L’amministratore ha aderito alla richiesta di non dare corso a tali decisioni per la scala "A", poiché quattro inquilini su sei hanno votato contro le decisioni menzionate. Alle rimostranze dei due condòmini di minoranza della scala in questione, l’amministratore ha risposto che la normativa consente di derogare alle decisioni dell’assemblea se i condòmini di una scala, a maggioranza, sono contro tali decisioni, purché non vadano a ledere gli interessi dei condòmini delle altre scale. Se è vero quanto sostenuto dall’amministratore, i condòmini di minoranza cosa possono fare?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?