«SOLIDALI» L'USUFRUTTUARIO E IL NUDO PROPRIETARIO

LA DOMANDA Sono la nuda proprietaria di un appartamento al primo piano di un condominio, con impianto di riscaldamento centralizzato. Da qualche anno un termosifone non si riscalda più. L'usufruttuaria ha fatto presente la cosa all'amministratore, il quale ha detto che provvedervi non era di sua competenza. L'usufruttuaria non ha più pagato il riscaldamento. Poiché sul regolamento è scritto che le tubazioni orizzontali sono parti individuali, ho chiamato un idraulico per liberare il tubo occluso e si è dovuta rompere la muratura dal tubo in uscita del termosifone, fino alla colonna. Il tubo, in realtà, era perfettamente integro, ma si era formata una melma nera che non permetteva il circolo dell'acqua e, quindi, l'elemento non riscaldava.Il lavoro sarebbe stato di competenza del condominio? L'usufruttuaria ha diritto a un indennizzo per il riscaldamento di cui non ha fruito? Nel caso si tratti di un guasto individuale, deve provvedere la nuda proprietaria o l'usufruttuaria?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?