AMMESSA LA SEPARAZIONE DAL SUPERCONDOMINIO

LA DOMANDA In un'assemblea condominiale svoltasi nel mese di maggio 2011, su proposta dell'amministratore fu deliberata, nelle varie ed eventuali, la unificazione di tre palazzine (che costituivano ciascuna un condominio autonomo, con il proprio codice fiscale) in un unico condominio, senza che l'argomento fosse esplicitamente inserito nell'ordine del giorno della convocazione dell'assemblea. Peraltro, il verbale riporta la mia presenza con delega (anonima). In realtà né ero presente né avevo delegato alcuno.Le palazzine, ognuna delle quali con un numero di condòmini non superiore a otto, non avrebbero neppure avuto l'obbligo di nominare un amministratore se ciascun edificio avesse mantenuto la propria autonomia.La delibera è nulla? Si può agire nei confronti dell'amministratore per violazione di norme di legge? La palazzina nella quale sono proprietario di un alloggio si può staccare senza ricorso all'autorità giudiziaria?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?