UN'AZIONE DI RIDUZIONE PER LA VENDITA SIMULATA

LA DOMANDA Nello stesso atto notarile del 14 aprile 2006, intervenuto tra mia moglie, mia suocera che è vedova, e i miei cognati, sono state stipulate due compravendite. Nella prima, mia suocera, riservandosi l'usufrutto vitalizio, vendeva a un figlio la nuda proprietà dei diritti pari ai 16/24, mentre gli altri due figli, unitamente a mia moglie, vendevano allo stesso la piena proprietà dei diritti pari ai 6/24.Nella seconda vendita, mia suocera trasferiva in favoredello stesso figlio un'altra porzione di fabbricato, di sua esclusiva proprietà, senza riservarsene l'usufrutto. Mia moglie, lesa nei diritti ereditari, può impugnare tale seconda compravendita? Si precisa che non c'è alcuna traccia dell'avvenuto pagamento.

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?