POSSIBILE RICORSO CONTRO L'AMMINISTRATORE

LA DOMANDA Sono anni che le assemblee del nostro condominio vengono sistematicamente disertate dalla maggioranza dei condomini. Da parte di quei condòmini che non sono mai presenti per le decisioni da prendere, vige una sorta di indifferenza, di apatia generale. Il nostro amministratore, che lascia a desiderare per il modo non soddisfacente dei suoi atti gestionali, non può essere revocato perché non si riesce a raggiungere il quorum necessario (50% dei condòmini). Cosa fare se le assemblee continuano a superare appena un terzo delle presenze, quota certamente non sufficiente rispetto al 50% richiesto per la revoca dell’amministratore? Esiste un organo legale a cui rivolgersi, e come, al fine di evitare la procedura che prevede la richiesta di convocazione dell'assemblea per revocare il mandato?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?