Civile

Cassazione n. 22611

La Cassazione indica i parametri sui quali calcolare la colpa grave per il ritardo nel deposito da parte del magistrato di sorveglianza. La Cassazione sottolinea che per il magistrato di sorveglianza non sono espressamente previsti termini specifici nell'ordinamento giudiziario e annulla la sentenza del Csm per aver applicato il criterio del ritardo di 5-15 giorni, indicato come termine ordinatorio, senza modularlo con la natura del provvedimento e l'esigenza del caso concreto ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?