Civile

CONDOMINIO – Cassazione n. 17923

Inammissibile per carenza di interesse il ricorso dell'amministratore del condominio che contesta la decisione della corte di merito per la parte in cui non ha dato peso alle espressioni "sconvenienti" usate nei suoi confronti nelle memorie depositate. Anche la cassazione però "minimizza" perché l'amministratore aveva considerato "sconveniente" l'essere indicato con il solo cognome non preceduto dalla parola "signor" o dal titolo di avvocato. Per i giudici non è sconveniente ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?